alessia

alessia

Lago di Massaciuccoli: un programma organico di Azioni, Priorità, Paesaggi.

UN CONTRATTO PER SALVARE E PER RIVITALIZZARE IL LAGO E TUTTO IL SUO ECOSISTEMA

IL PAESAGGIO, NODO di RELAZIONI, ECOSISTEMICHE e di CONTRATTO.

Secondo la Convenzione Europea del Paesaggio, e secondo il Piano Paesistico Regionale, il Paesaggio è l'esito relazionale di tre dinamiche, quelle ambientali (valutate nella loro interazione ecologica sistemica) quelle delle trasformazioni umane, sia storiche che recenti, tutte quante interattive con quelle dello svolgersi delle percezioni, apprendimenti e prefigurazioni, sia sociali che mentali, delle popolazioni. Questo sistema dinamico di relazioni da luogo agli Ambienti di Vita (Paesaggio) delle popolazioni stesse.

Questa visione complessa, interattiva, e un tempo unitaria ma anche piena di tensioni e di contraddizioni, è comunque il legante che tiene insieme la relazione ecologica primaria, quella tra Uomo/Società/Ambiente, fino dalle origini, ed è anche l'idea di Paesaggio contemporanea.

Disponendo allora di questa idea di Paesaggio possiamo ora applicarla al territorio di Massaciuccoli e a tutta la sua complessa situazione.

L'Ambito di riferimento Per un contratto di Lago dobbiamo prendere in considerazione l'intero bacino imbrifero del lago stesso, che in questa situazione significa coinvolgere, oltre la vasta zona del Lago e delle zone umide limitrofe, anche la corona delle colline sovrastanti (insediamenti compresi) , nonché gli emissari, ed anche la fascia di terra e di insediamenti fino al mare, (anch'esso compreso). Tutto questo ambito territoriale costituisce il contesto dell' 'Ecosistema Lago che va assunto in tutta la sua interezza, nelle sue relazioni interne ed anche in quelle esterne.

Rete Ambientale della Versilia

Nuova Civiltà Mediterranea

13 maggio 1978: legge Basaglia 40 anni dopo.

Anche il Prof. Franco Basaglia ha intuito l'importanza terapeutica del Territorio come contesto familiare, lavorativo, relazionale, sociale e storico in cui ognuno nasce, cresce e vive. Il merito di questo psichiatra è stato quello di aver assicurato rispetto e dignità alla persona malata di mente. La legge che porta il suo nome è stata
in parte disattesa nei quaranta anni trascorsi dall'entrata in vigore, tanto che è perfino superfluo sottolinearne l'applicazione solo parziale e spesso formale.La mancata integrazione, inoltre, dell'Ospedale con il Territorio provoca dimissioni non organizzate con ripercussioni negative per i pazienti e per le famiglie. Il raccordo con la rete integrata dei servizi sanitari e sociali territoriali dovrebbe essere fondamentale per assicurare la continuità del percorso di cura e di assistenza.

Il malato di mente continua spesso ad essere spogliato anche dei diritti civili elementari, quale il diritto alla privacy ed al riserbo relativamente ai dati personali.
Di fatto si può sapere quando e chi è diventato un "pubblico matto" , ma l'importante per l'istituzione è che si sappia a voce bassa e con bonaria discrezione. Un altro diritto violato consiste nella mancanza della libera scelta dell'assistenza. Il malato di mente non ha la possibilità, come tutte le persone affette da altra malattia, di scegliere dove farsi visitare o essere ricoverato, in quanto deve rivolgersi solo e sempre al Pronto Soccorso più vicino. Capita di assistere ad un metropolitano via vai anche notturno di ambulanze con pazienti che necessitano di un ricovero dopo aver esposto più volte e a più medici le proprie intime angosce, disperazione se non deliri ed allucinazioni. Il crescente livello di gravità dei pazienti è legato alle precarie condizioni di vita, come per esempio un aumento delle condizioni di
marginalità sociale, favorendo fenomeni di acuzie psichiatriche di particolare intensità e l'aumento delle richieste di aiuto. Il personale Dsm è rappresentato da 29.260 unità. Al di sotto dello standard di almeno 1/1500 abitanti indicato dal Progetto obiettivo di tutela della salute 1998/ 2020. E' necessario provvedere al
potenziamento dei posti letto negli S.P.D.C. per l'accoglienza dell'emergenza psichiatrica. La mancata integrazione, inoltre, dell'Ospedale con il Territorio provoca dimissioni non organizzate con ripercussioni negative per i pazienti e per le famiglie. Il raccordo con la rete integrata dei servizi sanitari e sociali territoriali dovrebbe essere fondamentale per assicurare la continuità del percorso di cura e di assistenza. Il ruolo della famiglia è fondamentale. I familiari dovrebbero avere un riconoscimento adeguato e non semplice appendice perché " se lui sta bene, sto bene anch'io".

Affinchè ogni cittadino sia concretamente in grado di valersi dei diritti che la Costituzione definisce inviolabili occorre che si determini la rooseveltiana liberazione dal " bisogno" e dalla " paura" ed occorre che a tutti sia dato un minimo di garanzia sociale nel rispetto della dignità.

https://www.quotidiano.net/cronaca/legge-basaglia-1.3904067

13 maggio 1978: legge Basaglia 40 anni dopo.

Anche il Prof. Franco Basaglia ha intuito l'importanza terapeutica del Territorio come contesto familiare, lavorativo, relazionale, sociale e storico in cui ognuno nasce, cresce e vive. Il merito di questo psichiatra è stato quello di aver assicurato rispetto e dignità alla persona malata di mente. La legge che porta il suo nome è stata
in parte disattesa nei quaranta anni trascorsi dall'entrata in vigore, tanto che è perfino superfluo sottolinearne l'applicazione solo parziale e spesso formale.La mancata integrazione, inoltre, dell'Ospedale con il Territorio provoca dimissioni non organizzate con ripercussioni negative per i pazienti e per le famiglie. Il raccordo con la rete integrata dei servizi sanitari e sociali territoriali dovrebbe essere fondamentale per assicurare la continuità del percorso di cura e di assistenza.

Il malato di mente continua spesso ad essere spogliato anche dei diritti civili elementari, quale il diritto alla privacy ed al riserbo relativamente ai dati personali.
Di fatto si può sapere quando e chi è diventato un "pubblico matto" , ma l'importante per l'istituzione è che si sappia a voce bassa e con bonaria discrezione. Un altro diritto violato consiste nella mancanza della libera scelta dell'assistenza. Il malato di mente non ha la possibilità, come tutte le persone affette da altra malattia, di scegliere dove farsi visitare o essere ricoverato, in quanto deve rivolgersi solo e sempre al Pronto Soccorso più vicino. Capita di assistere ad un metropolitano via vai anche notturno di ambulanze con pazienti che necessitano di un ricovero dopo aver esposto più volte e a più medici le proprie intime angosce, disperazione se non deliri ed allucinazioni. Il crescente livello di gravità dei pazienti è legato alle precarie condizioni di vita, come per esempio un aumento delle condizioni di
marginalità sociale, favorendo fenomeni di acuzie psichiatriche di particolare intensità e l'aumento delle richieste di aiuto. Il personale Dsm è rappresentato da 29.260 unità. Al di sotto dello standard di almeno 1/1500 abitanti indicato dal Progetto obiettivo di tutela della salute 1998/ 2020. E' necessario provvedere al
potenziamento dei posti letto negli S.P.D.C. per l'accoglienza dell'emergenza psichiatrica. La mancata integrazione, inoltre, dell'Ospedale con il Territorio provoca dimissioni non organizzate con ripercussioni negative per i pazienti e per le famiglie. Il raccordo con la rete integrata dei servizi sanitari e sociali territoriali dovrebbe essere fondamentale per assicurare la continuità del percorso di cura e di assistenza. Il ruolo della famiglia è fondamentale. I familiari dovrebbero avere un riconoscimento adeguato e non semplice appendice perché " se lui sta bene, sto bene anch'io".

Affinchè ogni cittadino sia concretamente in grado di valersi dei diritti che la Costituzione definisce inviolabili occorre che si determini la rooseveltiana liberazione dal " bisogno" e dalla " paura" ed occorre che a tutti sia dato un minimo di garanzia sociale nel rispetto della dignità.

https://www.quotidiano.net/cronaca/legge-basaglia-1.3904067

POMPEI, TRAFUGATO PATRIMONIO ARCHITETTONICO

TURISMO E ARCHEOLOGIA – POMPEI TRAFUGATORI IN AZIONE – REPERTO TRAFUGATO DA TURISTA AMERICANO E ABBANDONATO ALL’AEROPORTO DI ROMA PRIMA DELL’IMBARCO

TURISTI AMERICANI TRAFUGANO (E ABBANDONANO) UN PEZZO DI TEMPIO DAGLI SCAVI DI POMPEI
Francesco Prisco16 settembre 2014
Ci sono giornate in cui a Pompei la cronaca diventa surreale. L'ultima, per esempio, è tutta un programma: a poche ore dall'ennesima intrusione notturna nell'area archeologica, per ora senza conseguenze, all'aeroporto di Roma viene recuperato un pezzo di tempio proveniente dall'antica città vesuviana che una coppia di turisti americani era probabilmente intenzionata a trafugare negli Stati Uniti. Adesso per loro scatterà una denuncia per appropriazione di bene dello Stato.
Stando alle prime ricostruzioni i due, coppia di trentenni in vacanza tra Roma e Napoli, avevano fatto tappa a Pompei e lì avevano prelevato un frammento di geison (la parte che regge il frontone del tempio greco) di circa 10 chilogrammi. Un «souvenir» particolarmente ingombrante che tenevano nel bagagliaio dell'auto presa a noleggio, forse con l'intento di portarselo negli Stati Uniti. Al momento del rientro in patria tuttavia devono averci ripensato: consapevoli che non era possibile varcare la frontiera con un reperto di tali dimensioni, lo hanno abbandonato sotto il sedile della Peugeot 3.800 presa a noleggio al multipiano B di Fiumicino. Avvolto in una mappa di Pompei. Se i turisti sono riusciti a salire sul volo Delta Airlines delle 11.15 per Detroit e a mettersi in viaggio verso casa, la struttura architettonica in poche ore è finita nelle mani dei carabinieri del Nucleo tutela del patrimonio artistico che ne hanno accertato la provenienza e provveduto a individuare la coppia così da far partire la denuncia a piede libero. In caso di arresto in flagranza avrebbero rischiato una condanna fino a quattro anni e un'ammenda di oltre 5mila euro. Ora ci sarà di mezzo un'estradizione. L'episodio denuncia ancora una volta la violabilità dell'area archeologica di Pompei, nonostante gli ultimi investimenti nel sistema di videosorveglianza e i costi tutt'altro che contenuti del servizio di vigilanza. Esistono infatti varchi non presidiati dalle videocamere: lo dimostra l'intrusione notturna di ieri da parte di cinque persone, ripresa soltanto nel tratto di via Nocera ma non nei punti in cui il gruppo è entrato e uscito dal sito. Un sito esposto a bravate e tombaroli.
http://www.ilsole24ore.com/art/impresa-e-territori/2014-09-16/turisti-americani-trafugano-e-abbandonano-pezzo-tempio-scavi-pompei-113632.shtml?uuid=ABHcPDuB

Sottoscrivi questo feed RSS