ITALIA: CRESCE IL TURISMO MA I SOGGIORNANTI SPENDONO MENO CHE IN FRANCIA E SPAGA. GAP DI 14 MILIARDI

ITALIA – TURISMO IN CRESCITA – MA I TURISTI SPENDONO MEDIAMENTE MENO CHE IN FRANCIA E SPAGANA – SOGGIORNI BREVI E INCAPACITA’ DI VALORIZZARE IL SUD DEL PAESE – COSI’ IL GAP E’ DI 14 MILIARDI CHE SI POTREBBERO RECUPERARE CON UNA POLITICA DEL TURISMO PiU’ COORDINATA

Il numero di turisti stranieri in Italia è in crescita: otto milioni in più tra 2008 e 2014.

Però spendono mediamente meno che in Francia e Spagna. La spesa per ciascun soggiorno, in Italia, è infatti pari a 681 euro, di molto inferiore rispetto ai 914 della Francia e ai 959 della Spagna.

Le ragioni? da un lato la brevità del soggiorno (3,7 giorni in media da noi, 5,1 a Madrid), dall’altro l’incapacità di coinvolgere tutte le aree del Paese.

Il Sud, nonostante le indiscutibili bellezze naturali ed archeologiche, attrae poco più del 10% degli arrivi totali, poco oltre i 50 milioni nel 2014. Alla fine, mancano 14 miliardi di euro, quasi un punto di Pil, che l’Italia potrebbe «facilmente recuperare» se solo riuscisse a raggiungere nel turismo le stesse performance della Spagna.

E’ quanto emerso da uno studio di Confturismo-Confcommercio, presentato alla sedicesima edizione del Forum Confcommercio di Cernobbio

 

Lascia un commento

Compilando questo modulo dichiaro di accettare espressamente i termini e le condizioni di utilizzo del sito in tema di privacy come specificato nella pagina "termini e condizioni"