FUNDRAISING conferenza

Conferenza FUNDRAISING di Alessia Brogi - Resilienza come tutti sappiamo, √® la capacit√† di un materiale di resistere agli urti senza spezzarsi. Questo credo che sia il significato che fa per noi. Noi mamme, noi donne , siamo fatte di un materiale che resiste agli urti e non si spezza !

Noi che amiamo e curiamo la famiglia, che lottiamo ogni giorno per dare un futuro ai nostri figli, non cediamo mai. Ma non possiamo fare sempre tutto da soli. Non √® possibile non √® giusto fare tutto da soli. E' importante la forza delle nostre associazioni, sostenerci per sostenere gli altri, che √® il nostro obiettivo finale; e per agire - lo sappiamo ‚Äď serve tanto impegno,
ma servono anche le risorse economiche. Per questo ci si trova a cercare sostegno, a coinvolgere le persone all'interno della nostra organizzazione; a pianificare un piano di raccolta fondi. Anche al no profit servono i soldi e questo non rappresenta una contraddizione. Ecco la ragione della giornata di studi con il professor Melandri, il quale ci spiegherà cos'è il fundraising. E' importante trovare la forza e le risorse per una nuova fase di crescita e di affermazione dei valori che ciascuna associazione afferma quotidianamente. Il dono infatti migliora chi dona ed aiuta chi riceve. Esagerando possiamo dire che questo crea felicità, sicuramente crea azioni positive. L' insegnamento del professor Melandri tocca una dimensione del fundraising concepita non solo come insieme di metodi di raccolta di fondi, ma come modalità di comunicazione, di presenza dialogante con la collettività, che forse abbiamo perso. Il fundraising aggiunge sempre un valore, quello della relazione. Al centro, non c'è solo la donazione, qualunque sia la sua natura, ma le persone. Al centro ci siamo noi ! Non basta che ognuno sia migliore per risolvere una situazione così complessa come quella che affronta il mondo attuale. Ai problemi sociali si risponde con reti comunitarie, non con la mera somma di beni individuali. Aprirsi con lealtà alla condivisione. Sarà necessaria una unione di forze e una unità di contribuzioni. Stiamo vivendo una fase di passaggio epocale in cui i cambiamenti sono profondi, ma anche inquietanti perché riguardano il modo di pensare l'uomo, la nostra coscienza. Una grande stanchezza interiore che ci
porta all' indifferenza nei confronti delle donne, degli anziani, dei bambini e dei nostri giovani. I giovani crescono soli. Dobbiamo dare loro un futuro.

Abbiamo tutti noi bisogno di imparare a far risorgere , il verbo to raise , risorgere la speranza di non fermarsi a ciò che ci limita, di accogliere il bene che l' altro è, che l'altro vuole donare. L'obiettivo è rendere una vita migliore a tutti. Questo è un bel modo per amare il prossimo.

 

Lascia un commento

Compilando questo modulo dichiaro di accettare espressamente i termini e le condizioni di utilizzo del sito in tema di privacy come specificato nella pagina "termini e condizioni"