Violenza maschile

La violenza maschile contro le donne toglie le libertà fondamentali. È una violazione dei diritti umani. È importante lavorare sul piano della prevenzione e sensibilizzazione della collettività, rafforzando la consapevolezza e la cultura degli uomini e dei giovani.
" Il dolore è una cosa reale e a questo dolore si deve rispondere con azioni concrete". Soprattutto nelle aule dei Tribunali.
#veritadonna
#fallaciauomo

Leggi tutto...

Asl Versilia, niente bis ai bambini nella mensa scolastica

Ci sono bambini inappetenti che, in mensa scolastica dovrebbero essere esortati a mangiare di più. Poi ci sono quelli golosi che mangerebbero anche di più. Ma in Versilia – parola dell'ASL - niente bis nel piatto. Il bambino chiede un altro po' di pasta o carne? Vorrebbe un'altra porzione di patate o pane? La risposta degli addetti è un bel “no”: al massimo un poco di verdura e frutta che non ingrassano. Che la frutta non ingrassi, magari, è ancora tutto da vedere, così come potremmo mettere in dubbio che la carne ingrassi, ma “sic ASL dixit”, così disse l'ASL Versilia con una circolare che si occupa della salute degli oltre 140 mila abitanti della zona.
Ma quanti sono i bambini delle elementari a rischio di obesità? Questo non ci è dato di sapere, mentre quello che è certo è che tutti gli scolari devono essere tenuti a stecchetto.

La circolare, a dispetto delle sue buone intenzioni, ha provocato l'immediata, irritata reazione di mamme e babbi, preoccupati di vedere tornare a casa bambini affamati. E come dar loro torto. Certe misure non dovrebbero essere generalizzate ma per solo i bambini a rischio dovrebbero essere predisposti menù su misura.

Leggi tutto...

In Italia non ci sono imprese innovative, non perchè non ci siano imprese, bensì perchè non c'è conoscenza.

La volontà dello Stato di sostenere lo sviluppo dell'innovazione e la
competitività internazionale delle imprese non basta.

Il solo capitale economico, in assenza di altre forme di natura
intellettuale, umana e relazionale, non riuscirà mai a creare
sviluppo. In Italia non ci sono imprese innovative, non perché non
ci siano imprese, bensì perché non c'è conoscenza.
Lo Stato deve promuovere la conoscenza e favorire le condizioni di
competenze e tecniche, incentivando un continuo apprendimento. Come ?
Attraverso la formazione, creando piattaforme cluster di specializzazione

e ampliando i contenuti dell'istruzione obbligatoria per permettere a tutti
l'inserimento nel mondo del lavoro. Il ruolo delle imprese è
quello di aumentare il livello di tecnologia, quello della scuola e
dell'università di ampliare i livelli di formazione e quello del
Governo, di creare ed agevolare, investendo, l'interscambio tra i
vari soggetti.

Diffondere la conoscenza vuol dire guardare al futuro, coinvolgendo le nuove
generazioni e creare un vero salto di qualità nel progresso umano e
sociale.

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS