Il Mediterraneo è un "mare di plastica": 250 miliardi di microframmenti minacciano le acque ed entrano nella nostra catena alimentare

Inquina ma è invisibile: si chiama microplastica ed è fatta di frammenti infinitesimali della dimensione di un terzo di millimetro. Nel mediterraneo – stando alla ricerca scientifica "tara mediterranee" ancora in corso fino a novembre - ne galleggiano nello strato superficiale dell'acqua marina almeno 250 miliardi di microframmenti. Solo nelle acque italiane ne è stata stimata una quantità che va da 13 mila a 350 microframmenti.

Leggi tutto...

Mediterraneo crocevia di droga. Servono più controlli.

NUOVACIVILTAMEDITERRANEA - IN MARE PER SALVARE I PROFUGHI MA POI CI ACCORGIAMO CHE IL MEDITERRANEO E' UN CROCEVIA DEL TRAFFICO DI DROGA
Mare Nostrum, oltre l'aiuto umanitario ai profughi, chili e chili di droga. E'
evidente che un controllo più serrato del mare, con maggiori risorse economiche
e strumentali, ha consentito di svelare una preoccupante verità: il
mediterraneo è un crocevia della droga diretta in Europa. Nei primi sette mesi
di quest'anno, la Guardia di Finanza ha sequestrato nel mediterraneo 104
tonnellate di stupefacenti. La droga viaggia su navi mercantili dirette in
Sicilia e Calabria. Il caos in medio oriente ha di fatto annullato i controlli
sulle coste libiche ed in qualche misura anche su quelle egiziane. E' droga
diretta in Europa i cui introiti spesso sono legati al traffico di armi. Anche
in questo caso l'Europa è assente.

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS